L’argento che utilizzo nei miei lavori è  argento Thailandese (ove non diversamente specificato). L’argento proviene da una regione nel nord della Thailandia, precisamente dalla città di Chiangmai, dove viene prodotto artigianalmente dalle tribù locali. Questi splendidi monili, fatti interamente a mano e quindi unici, contengono il 95% - 99% di argento puro. L’argento punzonato 925. contiene il 92,5% di argento, minimo legale ammesso per considerare l’argento tale. Un più alto contenuto di argento rende i componenti più morbidi e facili da lavorare, piegare ed incidere. Il prezzo dell’argento Thai varia ogni giorno, a seconda del valore dato dal mercato, esattamente come l’oro e l’argento 925, ed è strettamente correlato a quest’ultimo. La sua lavorazione artigianale rende ogni pezzo differente e quindi unico. Durante la lavorazione, l’argento Thailandese attraversa un processo di ossidazione. Questo fa sì che il manufatto di annerisca. Una volta ossidato, l’argento viene lucidato lasciando parti nere solo all’interno delle cavità: questo permette ai dettagli e alle incisioni in superficie di risaltare maggiormente. Attualmente in argento Thailandese vengono prodotti, oltre che i noti distanziatori di diverse forme e misure, chiusure per collane, ciondoli, orecchini, anelli e bracciali. La loro manutenzione è davvero molto semplice: per pulire basta utilizzare un comune panno per l’argento al fine di preservarne la bellezza e lucentezza durante gli anni. Altre informazioni dettagliate a riguardo possono essere consultate nella sezione “cura”.